RETI ANTICADUTA

Le reti anticaduta sono, di norma, sistemi provvisori di protezione collettiva studiati per trattenere l’operatore in caso di caduta. Grazie alle loro caratteristiche geometriche, le reti anticaduta sono particolarmente indicate per la protezione di grandi superfici come i lavori di montaggio delle strutture portanti in carpenteria a sostegno delle coperture di edifici o infrastrutture, oppure a protezione di lucernari sprovvisti dell’omologazione anti-sfondamento o durante le fasi di montaggio di strutture prefabbricate. Offriamo una gamma di reti di tipo S in poliammide e polipropilene a maglia quadrata o romboidale da 10x10cm, disponibili in pezzature da divese dimensioni standard; su ordinazione sono disponibili reti su misura (in conformità con le norme vigenti) e pronte in pochi giorni. Le reti vanno sostituite ogni 5 anni e sono soggette a revisione annuale, che avviene inviando all’azienda i campioni di materiale posti su un lato della rete e adibiti alle analisi chimiche e fisiche per accertare il buono stato delle fibre.

D.P.C. NEI CANTIERI TEMPORANEI

Grazie alle caratteristiche geometriche le reti anticaduta sono indicate per l’utilizzo durante la costruzioni di gradi stabilimenti, rimozione di coperture in eternet oppure a protezione di lucernari sprovvisti di vetro anti-sfondamento.

Le specifiche:

Materiali disponibli: poliammide e polipropilene

Colori: bianco e blu

Maglie: romboidali o quandrate

Misure in stock: 5x10m o 5x15m

Misure disponibili: 5x20m o 5x25m. Altre dimensioni disponibili su ordinazione

Conforme alle norme EN 1263-1 e EN 1263-2

NORME

  • EN 1263-1
  • EN 1263-2

NORMATIVA NAZIONALE

D.Lgs. 81/2008 e successive modifi che e integrazioni: Testo Unico in materia di Sicurezza

NORMATIVA LOCALE

  • Circ. 4/SAN/2004 della Regione Lombardia
    Aggiornamento del Titolo III del Regolamento Locale d’Igiene, recepimento dell’integrazione al Titolo III del R.L.I. redatto dall’ASL di Bergamo
  • D.P.G.R. n.62 del 23.11.2005 della Regione Toscana
    Regolamento di attuazione dell’art.82, comma 16 dellaL.R. n.1 del 03.01.2005 relativa alle istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive per l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza
  • D.P.P. n. 7-114/Leg. del 25.02.2008 della Provincia di Trento
    Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall’alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture
  • D.G.R. n. 2774 del 22.09.2009 della Regione Veneto
    Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifi ci per l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori di manutenzione in quota in condizioni di sicurezza
  • L.R. n. 5 del 15.02.2010 della Regione Liguria
    Norme per la prevenzione delle cadute dall’alto nei cantieri edili
  • D.G.R. n. 1284 del 28.10.2011 della Regione Umbria
    Approvazione linee di indirizzo per la prevenzione delle cadute dall’alto

ERIFICA E MANUTENZIONE

Le reti vanno sostituite ogni 5 anni e sono soggette a revisione annuale, che avviene inviando all’azienda i campioni di materiale posti su un lato della rete e adibiti alle analisi chimiche e fisiche per accertare il buono stato delle fibre.