BINARI – deformabili

L’impianto a rotaia deformabile è conforme alla norma EN 795:1996 classe D che comprende i dispositivi di ancoraggio che utilizzano rotaie di ancoraggio rigide orizzontali e consente la riduzione del tirante d’aria. È costituito da un profilo estruso in alluminio. La rotaia può essere fissata a soffitto, a muro o a pavimento, direttamente sulla struttura mediante apposite piastre ogni tre metri (5 m con croce di rinforzo). Questo tipo di impianto è certificato per l’utilizzo contemporaneo da parte di 2 operatori nella stessa campata. L’utilizzo dell’impianto avviene con apposito carrello che, tramite rotelle, scorre sulla rotaia. In ogni caso l’utilizzatore deve essere una persona addestrata all’utilizzo dei sistemi anticaduta e dei relativi DPI, attestata da apposito corso. Questo impianto è di tipo deformabile. Il binario è in lega d’alluminio anodizzata mentre gli elementi di fissaggio sono in acciaio inox. L’impianto è garantito 10 anni con obbligo di manutenzione annuale. L’impianto in questione è stato testato con prove sia statiche che dinamiche dall’Ente Certificatore Apave.

binario deformabile

NON TEME LE CURVE

Leggerezza e adattabilità a qualsiasi situazioni sono le caratteristiche principali di questo dispositivo. Il binario può essere calandrato per cambi di direzioni tra pareti e soffitti oppure orizzontali mantenendo la continuità della sicurezza senza sganciarsi mai.

Le specifiche:

Materiale: estrusione in lega di alluminio 6060 T6

Finitura: Anodizzato con possibilità di verniciatura al RAL desiderato

Dimensioni: 31x31mm

Raggio minimo di curvatura 330mm

Fissaggio: 2 supporti alle estremità

Peso 0,800 kg

NORME TECNICHE

  • EN 341:1992
    DPI contro le cadute dall’alto – Dispositivi di discesa
  • EN 354:2002
    DPI contro le cadute dall’alto – Cordini
  • EN 355:2002
    DPI contro le cadute dall’alto – Assorbitori di energia
  • EN 360:2002
    DPI contro le cadute dall’alto – Dispositivi anticaduta di tipo retrattile
  • EN 361:2002
    DPI contro le cadute dall’alto – Imbracature per il corpo
  • EN 362:2004
    DPI contro le cadute dall’alto – Connettori
  • EN 363:2008
    DPI contro le cadute dall’alto – Sistemi individuali per la protezione contro le cadute
  • EN 795:2012
    Protezione contro le cadute dall’alto – Dispositivi di ancoraggio – Requisiti e prove
  • CEN TS 16415:2013
    Dispositivi di ancoraggio – Raccomandazioni per dispositivi di ancoraggio per l’uso da parte di più persone contemporaneamente

NORMATIVA NAZIONALE

D.Lgs. 81/2008 e successive modifi che e integrazioni: Testo Unico in materia di Sicurezza

NORMATIVA LOCALE

  • Circ. 4/SAN/2004 della Regione Lombardia
    Aggiornamento del Titolo III del Regolamento Locale d’Igiene, recepimento dell’integrazione al Titolo III del R.L.I. redatto dall’ASL di Bergamo
  • D.P.G.R. n.62 del 23.11.2005 della Regione Toscana
    Regolamento di attuazione dell’art.82, comma 16 dellaL.R. n.1 del 03.01.2005 relativa alle istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive per l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza
  • D.P.P. n. 7-114/Leg. del 25.02.2008 della Provincia di Trento
    Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall’alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture
  • D.G.R. n. 2774 del 22.09.2009 della Regione Veneto
    Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifi ci per l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori di manutenzione in quota in condizioni di sicurezza
  • L.R. n. 5 del 15.02.2010 della Regione Liguria
    Norme per la prevenzione delle cadute dall’alto nei cantieri edili
  • D.G.R. n. 1284 del 28.10.2011 della Regione Umbria
    Approvazione linee di indirizzo per la prevenzione delle cadute dall’alto

GARANZIA

E’ accordata una garanzia di 10 anni su tutti i pezzi in acciaio inox o in alluminio che costituiscono i nostri impianti a rotaia. La garanzia potrà essere rinnovata su richiesta del cliente, dopo un sopralluogo tecnico, effettuato a titolo oneroso, sulle attrezzature installate.

VERIFICA E MANUTENZIONE

Per quanto possibile, prima di ogni tipo di impiego procedere a un esame visivo dei componenti del sistema. In caso di dubbio, chiedere un controllo alla società installatrice o a una persona addetta alla manutenzione, abilitata e competente per tale tipo di intervento. L’impianto a rotaia necessita di manutenzione annuale atta a garantire l’integrità del sistema, da parte di una persona abilitata e competente. Sicurezza88 è a completa disposizione per fornire eventuali tecnici formati per l’esecuzione di manutenzione dei sistemi. In caso di una caduta l’impianto deve essere oggetto di manutenzione obbligatoria da parte di una persona abilitata e competente.